PREVENZIONE

LA PELLE

La pelle costituisce l’involucro esterno del nostro corpo ed ha una superficie di circa 2 metri quadrati; una delle sue funzioni è quella di mediatore tra noi e il mondo esterno.

L’importanza della diffusione della conoscenza e della ricerca in dermoncologia è legata al costante aumento delle neoplasie cutanee : 70/80 nuovi casi/100000 persone l’anno.

I tumori cutanei sono in assoluto i più frequenti di tutte le neoplasie rappresentandone il 15/20 %. I più importanti e comuni  sono il carcinoma cutaneo o epitelioma e il melanoma.

I fattori che concorrono all’insorgenza dei tumori cutanei sono molteplici: ereditarietà, condizioni ambientali, agenti fisici, chimici e virali, deficit del sistema immunitario. La diagnosi precoce di tumore cutaneo consente una percentuale di guarigione che supera il 90% dei casi.

Così, come per le altre neoplasie, possiamo affermare che la “prevenzione è vita”, in quanto questa ha un ruolo preminente rispetto all’incremento dell’incidenza neoplastica ed è in grado di determinare un progressiva e continua diminuzione della mortalità.

La pelle è una struttura di facile osservazione e quindi dovrebbe essere agevole diagnosticare una neoplasia precocemente. In realtà le statistiche indicano che l’intervallo che intercorre fra la comparsa  e la diagnosi è di circa 2 anni.

Diffondere la sensibilizzazione della prevenzione, la conoscenza della patologia cutanea, promuovere la possibilità di ricerca e di nuove possibilità terapeutiche costituiscono una rilevanza fondamentale nella lotta contro le neoplasie cutanee.

LE RADIAZIONI DELLA LUCE SOLARE

SAPEVI CHE…

E’ importante praticare una corretta esposizione solare al fine di evitare danni cutanei quali scottature, allergie solari, invecchiamento prematuro della pelle, sviluppo di tumori cutanei e lesioni della retina.

Particolarmente significativa è la maggior incidenza di melanoma, neoplasia maligna cutanea, in soggetti che durante l’infanzia hanno subito numerose ustioni solari. La luce solare è composta da diversi tipi di radiazioni, tra cui: ultravioletto (UV), visibile, infrarosso (IR).

A loro volta i raggi UV si dividono in:

UVA: rappresentano circa il 95% degli UV, la loro intensità non è in funzione della stagione, come per gli UVB, ma è costante tutto l’anno, penetrano più in profondità nella cute e passano anche attraverso i vetri. Regalano l’abbronzatura immediata, sono responsabili di allergie e di foto invecchiamento.

UVB: rappresentano circa il 5 % degli UV, sono più presenti in estate e nelle ore centrali della giornata, stimolano la produzione di vitamina D, sono responsabili dell’abbronzatura, possono provocare scottature ed eritemi.

UVC: sono i più pericolosi per la salute umana, ma sono schermati dallo strato di ozono dell’atmosfera terrestre.

Le radiazioni solari variano a seconda dell’ambiente, della latitudine, della longitudine e dell’orario in cui ci si espone. Inoltre vengono riflesse da molte superfici: sabbia, acqua, neve.

E tu che fototipo sei?

Il fototipo è l’insieme delle caratteristiche fisiche individuali classificate in base a 3 criteri fondamentali: Etnia o colore della pelle, colore degli occhi e colore dei capelli.
Il fototipo integra questi 3 criteri in una scala da 1 a 6 e l’appartenenza ad un particolare fototipo significa maggiore o minore melanina, quindi minore o maggiore protezione fisiologica nei confronti dei raggi solari, così la nostra pelle può tollerare una quantità più o meno elevata di raggi UV prima di essere soggetta ad una scottatura.

FOTOTIPO 1

pelle molto chiara, molto sensibile, generalmente non si abbronza, presenza di efelidi, sviluppa eritemi ad ogni esposizione, capelli biondi o rossi, elevato rischio di danni permanenti, occhi chiari

FOTOTIPO 2

pelle chiara, molto sensibile, sviluppa una abbronzatura lieve, capelli da chiari a castani, tende a scottarsi facilmente, occhi chiari

FOTOTIPO 3

pelle chiara o sensibile, a volte si scotta, si abbronza gradualmente, capelli da castani a bruni, occhi bruni, a volte chiari

FOTOTIPO 4

pelle tendente allo scuro o olivastra , moderatamente sensibile, sviluppa in breve un’abbronzatura intensa, si scotta raramente, capelli da bruno a neri, occhi da bruno a neri

FOTOTIPO 5

pelle scura o olivastra, poco sensibile, si scotta molto raramente, si abbronza rapidamente e intensamente, capelli neri, occhi neri

FOTOTIPO 6

pelle scura, non si scotta mai, capelli da bruno a neri, occhi da bruno a neri, soggetto di razza nera

Il tuo 5×1000 è un sostegno grandissimo, grazie per l’aiuto!